Come trovare clienti da libero professionista

Xolo
Autore Xolo
Scritto da 30 maggio, 2022

Spesso, chi sceglie di intraprendere la strada della libera professione deve affrontare una questione molto importante: come trovare nuovi clienti? Ecco allora alcuni consigli sulla migliore strategia da intraprendere per rendere il proprio profilo professionale allettante per il pubblico e trovare così nuovi clienti sia online che offline.

 

5 consigli per trovare nuovi clienti come libero professionista

 

1. Creare una propria definita brand identity in una nicchia specializzata

Il libero professionista, quando offre il proprio lavoro intellettuale, offre se stesso: per questo deve avere una propria e specifica brand identity che lo renda ben riconoscibile e che lo mostri agli occhi dei clienti come unico, competente, di valore, specializzato in una determinata area di conoscenza e attività. 

Per fare questo bisogna definire in partenza e mantenere nel tempo il tone of voice, il logo e l’immagine coordinata, un eventuale portfolio per far capire subito ai clienti il proprio stile, le proprie caratteristiche e competenze umane e professionali e saper comunicare in modo chiaro e completo i servizi offerti.

 

2. Conoscere bene il proprio target di riferimento

Per riuscire a trovare i clienti giusti per il proprio business è fondamentale avere chiaro il mercato in cui ci si vuole muovere e a quali persone – potenziali clienti – si sta parlando, quali sono i loro bisogni, le loro abitudini, i loro desideri. 

Allo stesso modo è necessario conoscere i propri competitors per costruire una strategia di differenziazione del proprio brand e proporsi come i migliori del settore.

 

3. Costruire relazioni

Le relazioni umane sono sempre fondamentali, non solo nella vita privata ma anche in quella professionale: è dunque importante costruire e rinforzare buone relazioni sia con i propri clienti che con i “colleghi”, che per il libero professionista sono essenzialmente altri liberi professionisti con cui poter fare rete.

 

4. Mettersi in regola

Potrà sembrare scontato, ma è sempre bene ricordare questo concetto importante: per avviare un’attività, bisogna essere correttamente inquadrati dal punto di vista fiscale, per esempio avendo cura di aprire una partita IVA prima di far decollare il proprio business. 

Hai bisogno di una mano per avviare la tua attività e conoscere tutti gli step necessari? Ci pensa Xolo! I nostri esperti fiscali sapranno darti tutti i consigli giusti per cominciare al meglio il tuo percorso da libero professionista. Contattaci per maggiori informazioni!

 

5. Farsi conoscere

Per farsi conoscere da nuovi clienti è importante utilizzare tutti gli strumenti che sono a disposizione, da quelli online (social network, sito web, digital marketing) a quelli tradizionali (TV, radio, carta stampata) fino agli eventi dal vivo come fiere, convegni, workshop e occasioni di incontro, che vedremo meglio nel corso di questo articolo.

 

Xolo_CTA_Filler_Grid_S_1

 

Come trovare nuovi clienti online da libero professionista

 

Nel mondo in cui viviamo, il primo modo per trovare nuovi clienti è senza dubbio online, sfruttando le tecnologie digitali che abbiamo a disposizione: non avere una presenza online, oggi, equivale a non esistere.

Il canale principale e più immediato sono i social media, che ormai sono considerati imprescindibili piattaforme di advertising. Facebook, Twitter e Instagram rappresentano oggi strumenti molto efficaci per venire a contatto con un pubblico molto vasto e procacciarsi così clienti in modo facile, veloce e diretto, ma anche YouTube e il proprio sito web sono strumenti fondamentali, oltre alla propria pagina LinkedIn, il social di riferimento per il mondo del lavoro. 

Vediamo meglio uno per uno.

  • Trovare nuovi clienti su Facebook

Avere un profilo su Facebook da utilizzare a scopo professionale è importante per definire la propria presenza sul mercato e per interagire con potenziali clienti. Inoltre, con lo sviluppo delle tecniche e delle strategie di social media marketing, le principali piattaforme si sono dotate di tool specifici per la pubblicità, come per esempio Facebook Ads, che facilita il raggiungimento degli obiettivi di marketing, grazie alla possibilità di creare campagne di advertising ad hoc.

  • Trovare nuovi clienti su Twitter

Anche Twitter, grazie a peculiarità come l’immediatezza degli scambi e la facilità di venire a contatto con milioni di utenti, può costituire un valido ausilio per un libero professionista, che, attraverso l’utilizzo di questa piattaforma social, può anche offrire un servizio di assistenza immediato. È sempre bene non aspettare che siano gli altri a scrivere, ma prendere l’iniziativa e iniziare ad interagire.

  • Trovare nuovi clienti su Instagram

Da non sottovalutare anche il social che, più di tutti, sta conoscendo un vero e proprio boom negli ultimi anni, ossia Instagram: si tratta del canale perfetto per implementare la visibilità del proprio brand attraverso video e immagini, compresi i tools più utilizzati oggi come le stories e i reels. Se si giocano bene le proprie carte, si riuscirà in breve tempo ad attrarre un ampio pubblico: a questo scopo è necessario pubblicare costantemente e periodicamente contenuti che possano risultare interessanti, coinvolgenti e utili per il proprio target di riferimento, in modo accattivante e diverso dai competitors, e fidelizzando nel tempo i propri followers.

  • Trovare nuovi clienti su YouTube

Tra le principali piattaforme social non bisogna dimenticare infine YouTube: potrebbe essere utile aprire un canale dedicato e caricarvi regolarmente dei video per raggiungere il target desiderato. Anche in questo caso, si può partire con poco: se, per esempio, un’artigiana si dedica alla vendita di prodotti realizzati all’uncinetto, tramite il caricamento di video esplicativi sul proprio canale YouTube potrà conquistare un buon numero di follower, tra i quali molti potrebbero essere interessati ad acquistare i suoi lavori.

  • Trovare nuovi clienti attraverso il proprio sito web e il digital marketing

Oltre ai profili social, avere un proprio sito web, un blog o almeno una landing page, che costituisca una vetrina della propria attività e dei servizi offerti, con esempi di lavori precedenti, contatti e altre informazioni utili, è fondamentale, come vedremo nel prossimo paragrafo. Inoltre, è bene saper utilizzare al meglio le diverse possibilità che il digital marketing offre, dall’ottimizzazione dei testi in ottica SEO all’Advertising, dalle newsletter alle mailing list.

 

L’importanza del sito web per trovare nuovi clienti

 

Un passo importante per riuscire a trovare nuovi clienti da libero professionista, come abbiamo accennato, consiste nell’aprire un sito web. Per un libero professionista, infatti, un sito rappresenta uno strumento essenziale per distinguersi dalla concorrenza, costituendo una sorta di business card virtuale che permette ai potenziali clienti di farsi un’idea precisa non solo dei prodotti o dei servizi offerti, ma anche dello stile e, in generale, dell’identità del brand.

Per poter avere un sito web realmente efficace, in cui non manchino le visite da parte degli utenti, è necessario affidarne la realizzazione a un web designer esperto, evitando – a meno che non si abbiano competenze specifiche in proposito – il fai da te, in modo che il sito sia esteticamente gradevole e facile da navigare per gli utenti, valorizzando dunque la UX (user experience). Considerando che un sito web professionale è fondamentale per un lavoratore autonomo, investire in questa direzione è indispensabile, nel momento in cui ci si pone la questione di come trovare nuovi clienti.

Inoltre, è importante anche utilizzare tutti i metodi di ottimizzazione possibili in ottica SEO (Search Engine Optimization), cioè con testi e copywriting che vengono ottimizzati per i motori di ricerca, in modo che i potenziali clienti che cercano su internet attività affini a quelle offerte da un libero professionista possano arrivare più velocemente a quel sito. 

 

Come trovare clienti da libero professionista usando i canali tradizionali

 

Il mercato online, come abbiamo visto, offre moltissime possibilità e a costi relativamente contenuti. Se da un lato, dunque, un lavoratore autonomo deve conoscere e saper padroneggiare gli strumenti di web marketing, dall’altro non deve trascurare nemmeno l’opzione di farsi pubblicità tramite i canali tradizionali, come la TV, la radio, la carta stampata o la partecipazione a fiere ed eventi (anche in qualità di sponsor). 

Sicuramente, i canali tradizionali permettono di raggiungere con facilità il target adatto al proprio core business e in modo molto massiccio; la nota dolente, tuttavia, è che spesso si tratta di servizi che prevedono esborsi decisamente onerosi. Vediamo insieme le diverse possibilità.

  • TV

Trasmettere uno spot in TV, per esempio, permette certamente di raggiungere moltissime persone, ma senza dubbio ha costi piuttosto elevati: bisogna dunque valutare se investimenti importanti non solo possono rientrare nel budget previsto per far decollare l’attività, ma se effettivamente potrebbero risultare efficaci per promuovere il proprio business. Se, per esempio, si svolge la professione di copywriter, difficilmente uno spot TV potrebbe risultare così fondamentale per individuare nuovi clienti; se invece si ha una piccola ditta di tinteggiature e si sceglie di fare pubblicità su una tv locale, le probabilità di attrarre nuovi clienti potrebbero moltiplicarsi.

  • Radio

Anche per la radio vale lo stesso discorso, anche se in questo caso i costi sono più contenuti rispetto alla televisione: pubblicizzare la propria attività, soprattutto se si ha un’attività commerciale, in una radio locale potrebbe essere utile.

  • Carta stampata

Per quanto riguarda la carta stampata, cioè quotidiani e periodici, potrebbe avere senso creare un’inserzione pubblicitaria della propria attività su una rivista di settore specializzata in un determinato argomento, poiché essa verrà certamente letta da addetti ai lavori o comunque da persone interessate, e questo renderà utile la propria presenza sulla carta stampata che potrebbe portare nuovi clienti e aiutare a far conoscere la propria attività.

 

Come trovare clienti da libero professionista offline

 

Oltre a questi mezzi di comunicazione, oggi che sembra che gli effetti della pandemia si siano attenuati e stiamo ritornando a partecipare agli eventi dal vivo, è fondamentale presenziare a festival, convegni, fiere, seminari, workshop formativi, feste e altre occasioni di socializzazione per farsi conoscere (magari anche distribuendo biglietti da visita o volantini realizzati ad hoc), trovare nuovi clienti, rafforzare relazioni e fare rete con altri liberi professionisti del settore. Come accennavamo all’inizio, le relazioni interpersonali sono molto importanti e coltivarle nel modo giusto è ciò che aiuta maggiormente un libero professionista a far crescere la propria attività.

Un altro metodo sempre utile per trovare nuovi clienti è il caro, vecchio passaparola: a volte ci si fida più di un consiglio di un amico o di un collega che si stima che di lunghe ricerche online, dunque è bene che i clienti e i colleghi di un libero professionista possano parlarne bene ad altre persone, promuovendone la professionalità e i servizi offerti. A tal proposito, esiste anche la possibilità di lasciare recensioni sui social, in modo da creare un passaparola virtuale e affermare la propria reputazione.

Vuoi intraprendere una carriera da libero professionista e vuoi consigli personalizzati su come farlo rapidamente e in totale serenità? Scegli Xolo, ci pensiamo noi!

Più informazioni: www.xolo.io/it-it 

 

Xolo_CTA_Filler_Bulb_L_4