Lavoro dipendente e partita IVA: tutto quello che c’è da sapere

Xolo
Autore Xolo
Scritto da 23 novembre, 2022

Si possono combinare lavoro dipendente e partita IVA?

Si tratta di una questione piuttosto delicata, sulla quale occorre fare chiarezza, esaminiamola nel dettaglio.

 

Un lavoratore dipendente può aprire la partita IVA?

Sei un lavoratore dipendente ma vuoi anche aprire la partita IVA? Ecco tutto ciò che c’è da sapere, sia per quanto riguarda i dipendenti pubblici che quelli privati.

Prendiamo in considerazione un caso tipico: Anna è impiegata presso il suo Comune di residenza ma ha l’hobby di realizzare manufatti all’uncinetto ed è talmente brava che vorrebbe venderli online; per farlo, però, è necessario aprire la partita IVA.

Cosa può fare Anna? Essendo una dipendente pubblica, deve sottostare ad alcune specifiche regole. 

 

Lavoro dipendente e partita IVA: posso aprire la partita IVA se sono un dipendente pubblico?

Il lavoro dipendente non è di per sé un ostacolo all’apertura della partita IVA, tranne rispetto alle ore lavorative.

Bisogna infatti distinguere tra lavoro:

  • Full time, per il quale effettivamente sono previsti limiti;
  • Part time: in questo caso ci sono maggiori possibilità di integrare il lavoro dipendente con quello autonomo.

 

Tornando al caso di Anna, se il suo impiego presso il Comune è di 4 ore, dalle 8.30 alle 12.30, avendo tutto il pomeriggio a disposizione potrebbe approfittarne per portare avanti i lavori all’uncinetto e gestire il suo piccolo e-commerce.

Ma scopriamo più nel dettaglio la differenza che intercorre tra lavoro full time e lavoro part time per quanto riguarda l’apertura della partita IVA.

 

Lavoro dipendente e partita IVA: come faccio se lavoro full time?

Come portare avanti una professione con partita IVA se si lavora full time? In effetti è piuttosto complicato, se non altro in termini di tempo: se si trascorrono otto ore in ufficio, difficilmente si riuscirà anche a gestire un’attività in proprio. 

Spesso, proprio per evitare che il dipendente abbia un doppio lavoro, all’interno del contratto di assunzione viene specificata l’impossibilità a svolgere un’altra professione in modo parallelo. Questo, tuttavia, non vale per ogni contesto.

Per quanto riguarda le professioni pubbliche – che è la situazione che stiamo considerando – ci può essere proprio scritto nero su bianco che il dipendente ha la possibilità di avere un lavoro autonomo.

Attenzione però: si può portare avanti un’attività collaterale ma solo a determinate condizioni, ossia:

  • Il lavoro con partita IVA non deve essere in conflitto con quello svolto in qualità di dipendente (per esempio, non si può fare attività di segreteria presso un ente pubblico nel settore della gestione idrica e, parallelamente, fare il segretario di un’azienda privata che si occupa di acqua);
  • La professione in proprio non può essere svolta durante l’orario lavorativo di quella pubblica;
  • L’attività collaterale deve essere temporanea.

 

In conclusione, dunque, se hai un lavoro dipendente full time nel settore pubblico puoi comunque aprire la partita IVA ma sarà piuttosto complesso, in termini di tempo e di fattibilità. 

Ma vediamo ora cosa cambia nel caso del lavoro dipendente part time.

 

Lavoro dipendente e partita IVA: più libertà con il part time

Siamo sempre nella sfera del lavoro dipendente pubblico; se nel caso dei contratti full time, aprire la partita IVA per svolgere un’attività in proprio è praticamente – se non de jure, comunque de facto – impossibile, la situazione cambia per quanto riguarda il lavoro part time. 

Considerando che, come per Anna e il suo uncinetto, rimane molto tempo durante la giornata per fare un altro lavoro, se si ha un impiego part time devi prestare attenzione solo all’aspetto riguardante il conflitto di interessi: in altre parole, non puoi svolgere due professioni uguali, l’una dipendente e l’altra autonoma.

Ciononostante, prima di procedere con l’apertura della partita IVA, dovrai fare una richiesta specifica per ottenere l’autorizzazione.

Lavori come dipendente ma vuoi aprire la partita IVA? Rivolgiti a Xolo: ti aiuteremo passo dopo passo nel tuo percorso, offrendoti tutto il  supporto necessario e tutte le informazioni e le dritte di cui hai bisogno!

 

Nuova call-to-action

 

Posso aprire la partita IVA se sono un lavoratore dipendente privato? 

Lavoro dipendente e partita IVA si conciliano molto più facilmente nel privato: se sei assunto da un’azienda privata e vuoi aprire la partita IVA, dunque, sei libero di farlo, a meno che non siano previste specifiche clausole all’interno del contratto.

Al contrario di quanto accade per i dipendenti pubblici, inoltre, non è necessario richiedere l’autorizzazione del datore di lavoro per aprire la partita IVA, anche se sarebbe buona norma informarlo circa le tue intenzioni.

Ritorniamo alla situazione di Anna, impiegata comunale con la passione per l’uncinetto: essendo una lavoratrice part time, Anna può aprire la partita IVA e vendere i suoi lavori all’uncinetto; dal momento che ha abbastanza tempo a disposizione per portare avanti un’attività parallela al suo impiego pubblico, e le due professioni non sono in conflitto, ha la possibilità di aumentare i suoi guadagni svolgendo due lavori. Anna, però, ha dovuto presentare una richiesta formale per poter aprire la partita IVA.

Esaminiamo ora il caso di Barbara, impiegata presso una multinazionale ma particolarmente brava a scrivere, tanto da poter lavorare in autonomia come copywriter. Rispetto ad Anna, il percorso di Barbara è molto più facile: per correttezza avviserà il suo datore di lavoro del fatto che intende integrare il proprio stipendio con un’attività collaterale, ma potrà aprire senza problemi la partita IVA e portare avanti la professione in proprio senza preoccupazioni.

Come per Anna, anche Barbara, aprendo la partita IVA, non genera un conflitto di interessi; ciononostante, se nel caso di Anna c’era un divieto formale a svolgere un’attività in conflitto con l’impiego pubblico, per Barbara è solo preferibile evitare di trovarsi in questa situazione. Tradotto, ciò significa che Barbara potrebbe fare la copywriter presso l’azienda – privata – che l’ha assunta e ugualmente svolgere la stessa attività come lavoratrice autonoma, a meno che sia specificato diversamente all’interno del contratto di lavoro. 

 

Lavoro dipendente e partita IVA: il regime forfettario

Ecco un’altra questione interessante: un lavoratore dipendente che vuole aprire la partita IVA può scegliere il regime forfettario?

La risposta è sì, a patto che si abbiano determinati requisiti:

  • Il tuo reddito come lavoratore dipendente deve essere inferiore ai 30.000 euro annui;
  • L’attività in qualità di lavoratore dipendente è cessata entro il 31 dicembre dell’anno precedente alla richiesta.


Mettendo un momento tra parentesi il secondo punto e concentrandoci invece sull’apertura della partita IVA mentre si sta svolgendo un lavoro dipendente, rimane il fatto che non si può superare la soglia di reddito dei 30.000 euro per aderire al regime forfettario e usufruire così dei vantaggi fiscali di questa opzione, che si traducono nel versare un’unica aliquota relativa ai proventi dell’attività autonoma pari al 5% per i primi 5 anni e al 15% dal sesto anno di lavoro.

Se il tuo reddito supera i 30.000 euro annui, invece, dovrai necessariamente optare per il regime ordinario; in questo caso la tassazione varia a seconda dell’attività svolta. 

 

Lavoro dipendente con partita IVA: come funziona per i contributi previdenziali INPS

Un altro tema da esplorare per quanto riguarda la coesistenza tra lavoro dipendente e partita IVA consiste nella gestione dei contributi previdenziali. 

A questo proposito, occorre fare una premessa importante: i contributi INPS vanno versati da tutti i lavoratori, a seconda dell’attività svolta. Sia che si tratti di dipendenti pubblici che di privati, il denaro dei contributi viene raccolto presso le casse previdenziali di riferimento. Ogni categoria di lavoratori ha la sua: i dipendenti pubblici e privati ne hanno una apposita, così come i professionisti iscritti ad un Albo (come possono essere, per esempio, medici e giornalisti); per le ditte individuali è attiva la Gestione Commercianti e Artigiani INPS, mentre per tutti gli altri lavoratori è prevista la Gestione Separata Professionisti.

In caso di coesistenza tra lavoro dipendente e partita IVA, bisogna scendere più nel dettaglio per capire come funzionano i contributi previdenziali. Ecco alcune casistiche: 

  • lavoratore dipendente full-time (40 ore settimanali) che decide di avviare un’attività come artigiano o commerciante: in questo caso è possibile richiedere, nella fase di apertura della partita IVA, l’esenzione totale dei contributi da versare alla gestione separata INPS Artigiani/Commercianti;
  • lavoratore dipendente che avvia un’attività come professionista senza obbligo di iscrizione ad un Albo specifico: in questo caso è possibile richiedere una riduzione dell’aliquota contributiva della gestione separata INPS Professionali al 24% anziché l’ordinaria al 25,98%. 

 

Nuova call-to-action

 

Lavoro dipendente e partita IVA: cosa succede dal punto di vista fiscale

Lavoro dipendente e partita IVA possono coesistere, ma bisogna tener conto che questa situazione si ripercuoterà anche sulla tassazione, prevista per ogni attività svolta.

Sotto l’aspetto fiscale, dunque, per capire quanto versare di tasse occorre sommare il reddito generato dall’attività dipendente a quello derivante dalla professione in proprio. Se Anna ha un reddito di 20.000 euro annui come dipendente e di 10.000 come lavoratrice con partita IVA, dovrà pagare le tasse per un reddito complessivo di 30.000 euro.

Nel momento in cui si è un lavoratore dipendente e, in più, si ha la partita IVA, le cose cambiano anche rispetto alla dichiarazione dei redditi da presentare a fine anno: non si dovrà compilare il modello 730 (quello dedicato ai lavoratori dipendenti) ma il Modello Redditi Persone Fisiche, riservato ai lavoratori con partita IVA, nel quale vengono inserite le tipologie di proventi che sono stati ottenuti nel corso dell’anno.

A questo punto ti starai sicuramente chiedendo se un doppio lavoro comporta anche un aumento delle aliquote da versare. In realtà, anche se le due tassazioni si sommano, il calcolo finale viene effettuato distinguendo le singole aliquote IRPEF. Nel concreto, le tasse che si pagano in busta paga rimangono le stesse, mentre per quanto riguarda la partita IVA cambieranno in base al regime prescelto (ordinario o forfettario).

 

Lavoro dipendente e partita IVA: come faccio ad avviare una professione autonoma?

Una volta verificati i requisiti necessari per aprire la partita IVA nel momento in cui si ha un lavoro dipendente, non resta che lanciarsi nella nuova avventura.

L’apertura della partita IVA, in sé, è un’operazione molto semplice e può essere effettuata in autonomia tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate oppure affidandosi a un commercialista. In quest’ultimo caso ci sarà da mettere in conto qualche spesa in più, ma è importante farsi aiutare da un consulente nella propria attività in qualità di lavoratore autonomo.

 

Xolo, il partner di fiducia per i liberi professionisti

Xolo è la piattaforma online punto di riferimento per i freelance, il tuo commercialista virtuale che ti offre molteplici soluzioni per traghettare la tua impresa individuale verso il successo. 

Dall’apertura della partita IVA alla gestione delle fatture, dalla fiscalità alla contabilità, basta registrarti sul nostro sito web per avere subito a tua disposizione una squadra di professionisti qualificati pronti a soddisfare tutte le esigenze. 

Affidarsi a Xolo significa poter contare sul tuo commercialista di fiducia ogni volta che ne hai bisogno: pensiamo a tutto noi, in modo che tu possa dedicarti al tuo lavoro senza preoccupazioni. 

Che aspetti? Unisciti a noi e porta al top la tua attività di libero professionista! 

Nuova call-to-action